cerca in  
Scheda Prodotto > Recensioni

Rattalino Piero
Claudio Arrau - pagine 167 - LIBRO


scrivi la tua recensione
Le vostre recensioni
recensione di ZECCHINIEDITORE (2008-05-27 16:29:49.0 da 82.90.69.163)
Nel 1926 un pianista russo di ventitre anni, Vladimir Horowitz, esordisce a Berlino. Ad ascoltarlo, in prima fila, c'è un pianista cileno di ventitre anni, Claudio Arrau, accompagnato dalla madre sessantaseienne. Ascoltano, madre e figlio, e restano senza fiato. Si avviano verso casa, e quando arrivano la madre dice al suo ragazzo di mettersi a studiare perché ?lui suona meglio di te?. Da Berlino la carriera di Horowitz prende il volo: Parigi lo consacra, l?Europa lo applaude, gli Stati Uniti lo accolgono nel 1928 e ne fanno una star. Arrau vince nel 1927 un concorso a Ginevra e comincia a costruirsi una carriera. Lavora, si afferma molto lentamente, la sua velocità di apprendimento è talmente favolosa da permettergli di mettere insieme un repertorio sterminato, è stimato ma non ha charme. Nel 1941 lascia Berlino, dove era vissuto per trent?anni, e si stabilisce negli Stati Uniti, di cui diventerà cittadino nel 1979. È in grado di sostenere centoquaranta concerti all?anno, e lo chiamano dappertutto, eppure è soltanto un solido professionista di caratura internazionale, non una leggenda vivente com'è invece diventato il suo coetaneo Horowitz. Ha quasi sessant?anni, Arrau, quando la Philips gli affida la registrazione di tutte le sonate di Beethoven.
voto:
 

scrivi la tua recensione
«torna alla scheda del prodotto   «tutte le recensioni

Tutte le offerte

I prodotti in offerta


Knox Garth
D'Amore : brani per viola da gamba di Hu...
A.Vesterman


Charpentier Marc-Antoine
Messe à 8 voix et 8 violons et flutes, T...
Le Concert Spirituel, H.Niquet

carrello | profilo | condizioni d'acquisto
home | offerte | contatti | informativa sulla privacy | guida in linea
© Discoland Mail 2006